9 settembre 2015

Guidalberto Bormolini

L’ecologia spirituale di Papa Francesco

GuidalbertoBormolini
Mercoledì 9 settembre 2015, presso il giardino dell’Ex convento delle Oblate di Borgo a Mozzano, il Teatro di Verzura ospiterà Guidalberto Bormolini che tratterà il tema “l’ecologia spirituale in Papa Francesco: novità e tradizione”.

La biografia dell’ospite:
Guidalberto Bormolini nasce a Desenzano del Garda il 21 agosto 1967.
Dopo un lungo apprendistato come operaio di una falegnameria artigiana, intraprende gli studi per imparare l’arte liutaria. Nel 1988 consegue il diploma di “Operatore liutario” presso la Civica scuola di liuteria di Milano ed esercita la professione in un proprio laboratorio situato nel centro storico di Desenzano. Sotto la guida del maestro Tiziano Rizzi approfondisce le sue competenze e nel 1990 ottiene presso la stessa scuola il diploma di “Conservatore di beni culturali liutari”. In giovane età incontra P. Gianvittorio Cappelletto che lo introduce alla meditazione profonda.

Lungo tutti gli anni di formazione mantiene un forte impegno civile a livello locale e nazionale, fino a quando matura la decisione di consacrarsi alla vita religiosa: nel 1992 entra a far parte della comunità religiosa dei Ricostruttori nella preghiera.

In seguito si iscrive ai corsi di filosofia e teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e nel 1998 consegue il titolo di baccellierato. Prosegue gli studi e nel giugno del 2000 ottiene la licentia docendi in antropologia teologica presso la Facoltà teologica dell’Italia centrale a Firenze.

La tesi è una ricerca su “Vegetarianesimo e astinenza nella mistica” (relatore prof. Goffredo Viti e correlatore prof. Carlo Nardi) e viene pubblicata dall’editore Leone Verde. Il Card. Gualtiero Bassetti l’ha ordinato sacerdote il 4 giugno del 2000 nella cattedrale di Arezzo.

Attualmente è dottorando in teologia spirituale presso l’Ateneo S. Anselmo a Roma con una ricerca sulle visioni dell’aldilà nel monachesimo celtico. Si è anche diplomato come counselor presso il Centro di Terapia Strategica di Arezzo diretto dal Prof. Giorgio Nardone.

Attività

Guida numerosi corsi, ritiri ed esercizi spirituali, dedicandosi soprattutto ai giovani e al dialogo con i “lontani” e i non credenti. Alcuni di questi ritiri si tengono in luoghi molto sobri ed immersi nella natura come S. Esuberanza sulle pre-alpi biellesi. Dirige la ricostruzione di luoghi abbandonati in varie zone d’Italia – partecipando manualmente ai lavori edili – per trasformarli in centri di spiritualità ed ambienti ecumenici secondo lo stile dei Ricostruttori nella preghiera. Attualmente è responsabile di Santa Maria in Acone, un bellissimo borgo medievale sui colli fiorentini.

Da anni si occupa di educare ad una visione positiva del “fine vita”, tenendo conferenze, corsi e seminari nelle principali città italiane. Nel maggio 2010 partecipa come docente alla giornata di studio promossa dall’USL di Pistoia: «Prendersi cura della dimensione spirituale: fine vita e ricerca di senso». Nel Settembre 2012 è invitato come relatore al Congresso Internazionale: «Dinanzi al morire. Percorsi interdisciplinari dalla ricerca all’intervento palliativo» presso l’Università degli studi di Padova. Dal 2012 dirige un gruppo di lavoro che si occupa, presso le ASL ed altre istituzioni, della formazione del personale sul tema dell’accompagnamento al fine vita.

È coordinatore dell’Associazione “tuttoèvita” Onlus, che propone percorsi di formazione individuale, professionale e di gruppo per avvicinarsi al tema della morte e della preparazione personale ad essa. L’Associazione è attiva in alcune città della Toscana e si avvale del patrocinio e della collaborazione di numerose istituzioni. È l’ideatore e moderatore della programmazione culturale “Abbattere il tabù”, cicli di incontri inizialmente organizzati in collaborazione con l’Assessorato al Welfare del Comune di Firenze e la Caritas, in cui personalità del mondo della cultura sono invitate a proporre una nuova visione e un nuovo linguaggio sul fine vita. Vista la notevole partecipazione di pubblico altre città toscane hanno richiesto di organizzare lo stessa programmazione nelle loro sedi. Dal 2013 è docente al Master: «Death studies & the end of life. Studi sulla morte e il morire per il sostegno e l’accompagnamento», presso l’Università degli Studi di Padova, Dipartimento di filosofia, sociologia, pedagogia e psicologia applicata. Collabora anche con docenze e seminari al Master in: «Terapia del dolore, cure palliative e cure di fine vita in Terapia Intensiva» delle Facoltà di Medicina e di Psicologia dell’Università di Firenze.

Nel maggio 2012 partecipa come relatore al convegno di Piacenza Teologia: «Economia, ecologia, speranza per i nostri giorni» articolato intorno ad una Lectio magistralis del teologo Jürgen Moltmann. Ha partecipato anche ai convegni di studio di ACV insieme a Paolo De Benedetti, Mons. Eugenio Binini, p. Luigi Lorenzetti, Rosanna Virgili, Paolo Trianni ed altri sui temi della salvaguardia del creato. Ha curato insieme al teologo Lorenzetti la pubblicazione di una raccolta di saggi elaborati in seguito a queste giornate. Ha anche completato uno studio originale sul rapporto tra i santi e gli animali.

È fondatore e direttore della Collana Tutto è Vita presso la Libreria Editrice Fiorentina, celebre per aver pubblicato la Lettera ad una professoressa di don Lorenzo Milani. Questa collana pubblica testi e quaderni che aiutino a vedere la morte dal punto di vista della vita. Nella convinzione che la morte non è l’opposto della vita ma ne è solo un aspetto come ci ricordavano gli antichi padri: «Perfino il giorno e la notte ci mostrano la resurrezione: la notte si ritira, il giorno si alza; il giorno se ne va, la notte arriva» (Clemente Romano)

Dal 2001 collabora regolarmente alla Rivista di ascetica e mistica, diretta da p. Fausto Sbaffoni, per la quale cura in particolare articoli sulle tradizioni ascetiche nella vita monastica. È anche membro del comitato di redazione della Rivista. Dal 2008 scrive per la rivista Appunti di Viaggio (edita a Roma, tratta di temi legati alla meditazione e la preghiera silenziosa). Dal 2011 comincia la collaborazione con la rivista La porta d’Oriente, diretta da Franco Cardini.

Inoltre collabora occasionalmente anche con pubblicazioni quali: Vivens Homo, Monte Senario. Quaderni di spiritualità, Rivista di Teologia Morale, Dada Rivista di Antropologia post-globale ed altre.

fonte: guidalbertobormolini.it

Redazione
3 settembre 2015