18 settembre 2015

Marcelo Barros

Laudato si: da San Francesco a Papa Francesco

MarceloBarros3 Venerdì 18 settembre il noto biblista e teologo della liberazione brasiliano Marcelo Barros de Sousa incontrerà la cittadinanza introducendo sul tema “Laudato sì: da San Francesco a Papa Francesco”.
L’incontro, organizzato dall’Amministrazione Comunale di Borgo a Mozzano nell’ambito della rassegna “Teatro di Verzura”, si terrà alle ore 21.00 nella Sala delle Feste a Borgo a Mozzano.

Marcelo Barros è considerato uno dei maggiori biblisti e teologi dell’America Latina, fra i più stimati a livello internazionale.
È il priore benedettino del Monastero dell’Annunciazione di Goias, una cittadina rurale nel centro del Brasile, a circa 300 km da Brasilia, vicina al Mato Grosso.
Marcelo ha lavorato a stretto contatto con Hélder Câmara per quattro anni soprattutto sulla pastorale indigena e sui temi dell’ecumenismo.
È stato per otto anni referente della pastorale della terra dove ha potuto rendersi conto delle condizioni di estrema povertà ed emarginazione dei contadini rurali e ha sostenuto le battaglie del movimento “Sem terra”.
Nel contesto della teologia della liberazione, Padre Marcelo ha sviluppato una propria teoria spirituale, la Teologia della Terra, e in tutto il continente latino-americano è conosciuto come uno dei maggiori studiosi per lo sviluppo di una riflessione teologica sulla missione di solidarietà della Chiesa cattolica verso gli agricoltori ed i senza terra.
Attualmente, promuove lo sviluppo di una ricerca teologica sul rapporto tra il Cristianesimo e le religioni dei neri e degli indigeni e coordina un gruppo di lavoro sulla teologia del pluralismo religioso e di un cristianesimo aperto ad altre culture e religioni.
“Fare Teologia – spiega Padre Marcelo – non significa assolutamente salire in cattedra o sedere in un banco o stare chiusi in biblioteca, avulsi dalla vita reale (pregiudizio che resiste tutt’ora), ma camminare insieme nel mondo, con gioia e piacere”.

La Biografia: Marcelo Barros De Sousa è nato a Camaragibe, nello Stato di Pernambuco, in Brasile, il 27 novembre 1944, figlio maggiore di una famiglia con dieci figli.
A 18 anni è entrato nel monastero benedettino di Recife.
Dal 1967 al 1969, senza staccarsi dal monastero, vive come membro di una comunità ecumenica, abitando con i fratelli di Taizè a Olinda.
Nel 1969 viene ordinato sacerdote da Hélder Câmara, il vescovo dei poveri, del quale diviene stretto collaboratore della pastorale giovanile e segretario per gli affari ecumenici. Dopo aver passato vari anni nel monastero di Recife si sposta in quello di Curitiba per poi fondare, 30 anni fa, insieme ad altri monaci, il Monastero dell’Annunciazione a Goias, nel centro del Brasile.

E’ stato tra i fondatori del Centro Ecumenico di Studi Biblici (CEBI), membro della Commissione Pastorale della Terra (C.P.T.) e delle Comunità Ecclesiali di Base (C.E.B.s), espressioni della Conferenza Nazionale dei Vescovi Brasiliani (C.N.B.B.).
E’ uno dei tre membri latino-americani della Commissione teologica dell’Associazione Ecumenica dei Teologi del Terzo Mondo (ASETT), che riunisce i teologi da America Latina,
Africa, Asia e anche le minoranze nere e indigene del Nord America.

Marcelo Barros ha scritto 45 libri, dei quali 12 pubblicati in Italia, sui temi della spiritualità, della pace, della giustizia e delle sfide che attanagliano la Chiesa.
È un esperto di cinema e partecipa come oratore al festival del cinema di Recife.
Collabora con numerosi giornali americani ed europei.
Dal 2010 è Assistente Spirituale del V.E.O.S.P.S.S. – Cavalieri Bianchi di Seborga

Redazione
3 settembre 2015