29 agosto 2015

Pietro Ichino, parlamentare area PD

Presentazione del libro “Il lavoro ritrovato”

16/06/2010 Roma, Pietro Ichino

16/06/2010 Roma, Pietro Ichino

Sabato 29 agosto, presso il convento di San Francesco, sarà ospite del Teatro di Verzura l’On. Pietro Ichino, giurista, giornalista e politico italiano. L’ospite presenterà “Il lavoro ritrovato. Come la riforma sta abbattendo il muro tra garantiti, precari ed esclusi” edito da Mondadori.

La descrizione del libro:
“Giù le mani dall’articolo 18!” si gridava, nelle piazze e non solo. Poi, quando si è capito che quella norma poteva essere davvero mandata in soffitta, la tensione è arrivata al calor bianco. Eppure tutti sanno che il sistema di protezione di cui l’articolo 18 è la chiave di volta, quello che oggi chiamiamo job property, è nato mezzo secolo fa, nel lontano 1970: da allora tutto, o quasi, è cambiato. Cinquant’anni fa non c’erano ancora i computer, non esisteva Internet, ma neppure fax e fotocopiatrici. Esisteva, invece, il “posto fisso”: si entrava in azienda a 16 anni per rimanerci fino alla pensione, fabbricando sempre gli stessi oggetti, con gli stessi strumenti. In una società dove erano ancora gli aiuti di Stato ad assicurare la continuità delle grandi strutture produttive, non era neppure pensabile che aziende come Olivetti, Fiat o Alitalia potessero ricorrere a un licenziamento collettivo o tanto meno chiudere. Mentre era pensabile che il “risarcimento” per la perdita del posto in aziende come quelle consistesse in anni e anni di Cassa integrazione, fino a un prepensionamento a 57 o 58 anni. Ma nel frattempo l’articolo 18 generava un regime di apartheid tra i garantiti e i precari, cui la grande crisi ha aggiunto gli esclusi. In questo libro scritto con il rigore dello studioso ma con la penna agile del giornalista, Pietro Ichino, giuslavorista e senatore della Repubblica, racconta perché e come nel nostro ordinamento è stato introdotto l’articolo 18…

fonte: mondadori.it

Redazione
24 agosto 2015