7 settembre 2017

Roberto Pruzzo

Una vita da Bomber

Campione d’Italia, plurivincitore della Coppa Italia e 3 volte capocannoniere della Serie A. Questo, in brevissimo, il curriculum di Roberto Pruzzo, straordinario attaccante italiano degli anni ’70 e ’80 che sarà ospite della nostra rassegna giovedì 07 settembre.

ROME, ITALY - OCTOBER 31:  Roberto Pruzzo attends the '11 Metri' premiere during the 6th Rome Film Festival at Auditorium Parco Della Musica on October 31, 2011 in Rome, Italy.  (Photo by Vittorio Zunino Celotto/Getty Images)

 (Photo by Vittorio Zunino Celotto/Getty Images)

Nel 2014 ha pubblicato la sua autobiografia dal titolo “Bomber. La storia di un numero nove normale (o quasi)”
La descrizione dal sito IBS:
“Se c’è stato un calciatore che ha meritato l’appellativo, spesso abusato, di “bomber”, quel calciatore è Roberto Pruzzo. Già idolo della curva del Genoa, per la quale era diventato sin dagli esordi “O Rey di Crocefieschi”, passò alla Roma nel 1978 per la cifra record di tre miliardi di lire. La squadra giallorossa era scritta nel suo destino: contro di lei aveva segnato il suo primo gol in serie A, contro di lei, indossando la maglia della Fiorentina, segnerà il suo ultimo, nel 1989, impedendole l’accesso alla Coppa Uefa. In mezzo, per lei e con lei, tre titoli di capocannoniere, quattro Coppe Italia, uno scudetto e 138 gol. Alcuni bellissimi, improvvisi e inaspettati, altri facili e naturali (per lui), molti ancora scolpiti nella memoria dei tifosi: quello contro l’Atalanta che evitò la retrocessione nel ’79, quello, proprio contro il Genoa, che valse lo scudetto nell’83, la rovesciata dell’ultimo minuto in casa della Juve nella stagione successiva, la doppietta contro il Dundee nella semifinale della Coppa dei Campioni dell’84, la rete del pareggio nella drammatica finale contro il Liverpool.
Si sta parlando, davvero, di storia del calcio italiano. E questa storia, per la prima volta, ce la racconta lui, in prima persona, senza farci mancare nulla: i compagni, i ritiri, i soldi, le donne, i tifosi, gli allenatori, le gioie, le amarezze e le follie di un mondo spesso bizzarro e picaresco, ma ancora strettamente connesso alle emozioni che generava. “

Redazione
2 settembre 2017
 

Comments are closed.