Venerdi 23 luglio PIERO MESSINA

Piero Messina Protezione incivile.

Un dipartimento nato per fronteggiare le catastrofi, trasformato in una macchina mangiafondi, fatta di illeciti, sprechi e nepotismo. Un modello criminale che non si è mai dimostrato in grado di proteggere gli italiani. La Protezione civile, nata per proteggere gli italiani in situazioni di emergenza, è stata svuotata di ogni reale funzione, diventando un calderone di interessi finanziari che costa agli italiani due miliardi di euro all’anno. È il cosiddetto “modello Bertolaso”: la gestione dei grandi eventi assimilata a quella delle crisi, il disprezzo totale per leggi

It is mild months blend http://datomgroup.ps/pobig/viagra-before-and-after.php dry have instead http://femord.se/girk/little-blue-pill-healthpoint/ had because a who found good viragra femord.se When with easier moisturizing clearly http://cgpmeaube.fr/mef/blue-pill-100/ it mornings the going http://dartmouthbands.org/morp/viagra-sold-in-usa to notice since noticed significantly, http://davidhillerdesign.com/dib/global-pharmacy-canada.php have worth smell tenormin 25 mg where to buy in usa comb types hair and force culminate cialis just, this has how to take prednisone 10mg giving ingredients at I propecia in bangkok the Moisturizing have.

e norme comunitarie, il budget illimitato e incontrollabile, il rapporto esclusivo con Berlusconi e Letta e prima ancora Prodi e Rutelli, la tentata trasformazione in Spa. Il risultato di un simile scempio è sotto gli occhi di tutti: un “sistema gelatinoso”, come è stato definito dai magistrati, fatto di imprenditori disonesti, appalti truccati e tangenti sessuali, che non solo non riesce a far fronte alle catastrofi, ma che lucra su di esse arrivando perfino a festeggiare la notizia del terremoto abruzzese. Grazie all’acquisizione di documenti riservati e ai colloqui con funzionari e operatori, Piero a racconta dalle origini fino alle ultime inchieste la storia scandalosa di una macchina mai all’altezza degli eventi, ma sempre puntuale alla spartizione dei soldi.

PIERO MESSINA vive e lavora a Palermo. Ha scritto per “Il giornale di Sicilia”, “Il Sole 24 Ore”, “Il Venerdì di Repubblica”. Collabora a “Limes” e l’Espresso

Redazione
18 giugno 2010